Il documento deve avere i seguenti contenuti minimi:

  1. descrizione delle attività oggetto dell’ appalto;
  2. organigramma della sicurezza delle due parti;
  3. identificazione delle aree interessate dalle lavorazioni e di quelle interessate dai percorsi di accesso;
  4. informazioni sui rischi preesistenti;
  5. identificazione dei rischi derivanti dalle interferenze tra il personale dell’ appaltatore e quello del Committente;
  6. descrizione delle misure di prevenzione e protezione per l’ eliminazione o riduzione dei rischi identificati;
  7. descrizione delle misure adottate per prevenire e gestire le emergenze.

L’obbligo di redazione del DUVRI non si applica ai servizi di natura intellettuale, alle mere forniture di materiali o attrezzature, ai lavori o servizi la cui durata non è superiore a cinque uomini-giorno, sempre che essi non comportino rischi derivanti dal rischio di incendio di livello elevato, o dallo svolgimento di attività in ambienti confinati o dalla presenza di agenti cancerogeni, mutageni o biologici, di amianto o di atmosfere esplosive o dalla presenza dei rischi particolari di cui all’allegato XI del D.Lgs. 81/2008. Per uomini-giorno si intende l’entità presunta dei lavori, servizi e forniture rappresentata dalla somma delle giornate di lavoro necessarie all’effettuazione dei lavori, servizi o forniture considerata con riferimento all’arco temporale di un anno dall’inizio dei lavori.